Anselmo Cachorro

Anselmo Cachorro, paragrafi 14 & 15

Anselmo Cachorro 14 15

Aglaia Vozducha spalancò gli occhi. Si stiracchiò tutta per bene e disse, che rimanga tra di noi. Poi raccolse il grembiule. Si scrollò i residui del tappeto di guerra, e ringiovanita di nuovo di quindici anni passò in rassegna le sue allieve. Altro che rose. Erbacce grame, siete. Di tutto punto, aggiunse strappando a ognuna un altro pizzo. Ma guardatevi. …

Leggi l'articolo »

Anselmo Cachorro, paragrafi 12 & 13

Anselmo Cachorro paragrafi 12 e 13

  Infatti gli insegnò a cantare davvero. E quando non studiava con lei, lo mandava a lezione da Aglaia Vozducha. Unico maschio in un mazzo di rose depilate di spine. Che la russa coi capelli sempre tirati allo spasmo sopportava con paludata insofferenza, nonostante i vari tornaconti che traeva da Cachorro. I soldi pagati dalla vecchia per le rette. Un …

Leggi l'articolo »

Anselmo Cachorro, paragrafi 10 & 11

Anselmo Cachorro 10 e 11

  Della quale non conosceva figura. Dato che l’amatissima nonna defunta non l’aveva neppure abbozzata. Limitandosi a scrivere bestia in un punto imprecisato della via, mentre fingeva un vuoto di memoria. Che importa, una bestia è una bestia pensò Anselmo Cachorro convinto di scovarla. Ma dopo alcuni andirivieni, si ritrovò di nuovo sotto la vergine segnata. Dove rimuginava che la …

Leggi l'articolo »

Anselmo Cachorro, paragrafi 8 & 9

Anselmo Cachorro paragrafi 8 e 9

Il primo che accorse fu il nuovo autista. Il secondo il postino, e il terzo un sergente. Dietro di loro accorsero gli altri. Inclusi donne e bambini, tranne un uomo elegante dalla candida testa e il bastone d’avorio. Che andò alla pompa dell’acqua per inumidire il foulard, e rinfrescandosi il collo guardava a nord, nella direzione opposta a quella dove …

Leggi l'articolo »

Anselmo Cachorro, paragrafi 6 & 7

Anselmo Cachorro paragrafi 6 e 7

Poi si svegliò solo con la testa sul cane. Che strano cielo, disse alla lamiera ondulata. Su cui ogni tanto zampettava un uccello per rimettersi in volo. Era il suo primo momento di quiete da che era morta la nonna. Nonché la quinta delle cose da fare per lei. Ma non durò a lungo. La donna sciatta entrò nel capanno …

Leggi l'articolo »

Anselmo Cachorro paragrafi 4 & 5

Anselmo Cachorro paragrafi 4 e 5

È stata tua nonna a placarmi la rabbia per la mano perduta. Ti va di accompagnarmi in paese? Sussurrò il pescatore ancora abbracciato a Cachorro. E lungo il fiume lo fece remare, mentre metteva un po’ d’ordine dentro la barca. Anselmo Cachorro non aveva mai impugnato due remi, e la barca scivolava a zigzag sull’acqua calma del fiume. Con i …

Leggi l'articolo »

Anselmo Cachorro, paragrafi 2 & 3

Anselmo Cachorro paragrafi 2 e 3

Perché stai piangendo, gli domandò un pescatore a cui mancava una mano. Perché sono vivo, rispose Anselmo Cachorro. Buon per te che lo sei, ribatté il pescatore. Invece no, gli urlò in faccia rabbioso. Può darsi, ripeté il pescatore due volte immergendo l’unica mano nell’acqua di un secchio. Per poi spalancarla sotto il naso di Anselmo Cachorro. Che al cospetto …

Leggi l'articolo »

Anselmo Cachorro, paragrafo 1°

Anselmo Cachorro paragrafo 1

A Londra lo chiamavano Ansy, a Parigi Anselmì e in Brasile Anselmao. Ma il suo vero nome era Anselmo Cachorro, cantante di strada e di palco, nonché frontman indiscusso della TORMENTADA BOUNTY BAND. Da molti abbreviata in TBB. Abbreviazione che Anselmo Cachorro detestava sino al midollo. Dato che il suono di quelle tre lettere gli ricordava la TBC dell’amatissima nonna …

Leggi l'articolo »

Liguria.Today