www.mercomm.it/servizi
sciopero La Spezia

Anche La Spezia si ferma per lo sciopero nazionale del 2 dicembre

LA SPEZIA – Anche la provincia spezzina, compreso quindi l’importante collegamento che passa dalla città capoluogo per andare sia in direzione Aulla-Parma (provincia di Massa Carrara) che quello in direzione Versilia (Viareggio e Pisa) subirà lo sciopero provinciale di venerdì 2 dicembre proclamato dall’Usb Cobas. Come ricaduta territoriale dello sciopero generale “Giù le armi sui salari!”, con piattaforma dichiarata contro “sanzioni e invio di armi, carovita e caro-bollette, economica di guerra”.

L’Atc, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico locale con le linee di pullman, ha reso noto che l’ultimo sciopero nazionale analogo proclamato dalla stessa sigla sindacale ha avuto un’adesione del 34% del personale comandato in servizio.

Nel rispetto degli accordi di cui alla legge 146/90 è garantito il servizio completo nelle seguenti fasce orarie: dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

Stesso ragionamento per chi volesse utilizzare il treno. I passeggeri dovranno tenere conto di quanto diffuso dalle aziende del settore.

Dalle ore 21:00 di giovedì 1° dicembre alle ore 21:00 di venerdì 2 dicembre 2022 è stato indetto uno sciopero del personale del Gruppo FS Italiane, Trenord e Italo NTV”.

Anche in questo caso lo sciopero può comportare modifiche al servizio, anche prima dell’inizio e dopo la sua conclusione.

Maggiori informazioni sui servizi garantiti in caso di sciopero sono disponibili sui canali digitali delle Imprese ferroviarie o presso il personale di assistenza clienti e le biglietterie.

Nunzio Festa

Ti può interessare leggere anche

Sciopero di venerdì 2 dicembre: previsti disagi in tutta Italia. “Giù le armi, su i salari”

Sciopero di venerdì 2 dicembre: previsti disagi in tutta Italia. “Giù le armi, su i salari”

 

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info Nunzio Festa

Avatar photo
Nunzio Festa è nato a Matera, ha vissuto Pomarico e vive in Lunigiana. Collaboratore giornalistico del Quotidiano del Sud, Città della Spezia, Liguria Today, dell'Eco della Lunigiana e d'altri spazi cartacei e telematici – tra i quali Books and other sorrows di Francesca Mazzucato -, di RadioA, di RadioPoetanza, del Bollettino del Centro Lunigianese di Studi Danteschi, poeta, narratore e consulente editoriale, già editore, direttore di collane editoriali ed editor; ha pubblicato articoli, poesie e racconti su diverse giornali, riviste e in varie antologie: Focus-In, Liberazione, Mondo Basilicata, Appennino, Il Resto e altre testate. Per i Quaderni del Bardo ha pubblicato “Matera dei margini. Capitale Europea della Cultura 2019” e “Lucania senza santi. Poesia e narrativa dalla Basilicata”, oltre agli e-book su Scotellaro, Infantino e Mazzarone e sulle origini lucane di Lucio Antonio Vivaldi; più la raccolta poetica “Spariamo ai mandanti”, contenenti note di lettura d'Alessandra Peluso, Giovanna Giolla e Daìta Martinez e la raccolta poetica “Anatomia dello strazzo. D'inciampi e altri sospiri”, prefazione di Francesco Forlani, postfazione di Gisella Blanco e nota di Chiara Evangelista. Ha dato alle stampe per Historica Edizioni “Matera. Vite scavate nella roccia” e “Matera Capitale. Vite scavate nella roccia”; come il saggio pubblicato prima per Malatempora e poi per Terra d'Ulivi “Basilicata. Lucania: terra dei boschi bruciati. Guida critica.”. Più i romanzi brevi, per esempio, “Farina di sole” (Senzapatria) e “Frutta, verdura e anime bollite” (Besa), con prefazione di Marino Magliani e “Il crepuscolo degli idioti (Besa). Per le edizioni Il Foglio letterario, i racconti “Sempre dipingo e mi dipingo” e l'antologia poetica “Biamonti. La felicità dei margini. Dalla Lunigiana più grande del mondo”. Per Arduino Sacco Editore “L'amore ai tempi dell'alta velocità”. Per LietoColle, “Dieci brevissime apparizioni (brevi prose poetiche)”. Tra le altre cose, la poesia per Altrimedia Edizioni del libro “Quello che non vedo” (con note critiche di Franco Arminio, Plinio Perilli, Francesco Forlani, Ivan Fedeli, Giuseppe Panella e Massimo Consoli) e il saggio breve “Dalla terra di Pomarico alla Rivoluzione. Vita di Niccola Fiorentino”. Per Edizioni Efesto, “Chiarimenti della gioia”, libro di poesie con illustrazioni di Pietro Gurrado, note critiche di Gisella Blanco e Davide Pugnana. Per WritersEditor, la biografia romanzata “Le strade della lingua. Vita e mente di Nunzio Gregorio Corso”. nunziofesta81@gmail.com

Liguria.Today