Abusi sessuali a Genova

Abusi sessuali a Genova: nel weekend tante richieste d’aiuto

Abusi sessuali a Genova. Si avvicina il 25 novembre – giornata mondiale contro la violenza sulle donne – ma la ferocia della violenza non si placa. Due abusi sessuali nel giro di poche ore questo fine settimana a Genova.

La prima vittima è una ragazza sudamericana di circa 20 anni che racconta di aver conosciuto un ragazzo in discoteca e di essere stata violentata in una casa in cui si è ritrovata la domenica mattina. Da quanto è emerso, la ragazza al risveglio si è ritrovata seminuda e spaventata e così è scappata dall’abitazione. Non sa infatti indicare il luogo preciso in cui si trovava.

La giovane ha chiamato subito un familiare e poi è stata accompagnata all’ospedale Galliera per accertamenti. Visto lo stato confusionale della giovane e ricordi poco chiari, gli inquirenti credono che alla vittima sia stata somministrata la droga dello stupro, per questo sono stati effettuati anche test tossicologici. I sospetti dei militari ruotano tutti attorno alla figura di un marocchino, che non si esclude possa essere indagato nelle prossime ore.

Abusi sessuali a Genova: non si ferma la violenza sulle donne

Il secondo episodio invece vede protagonista una giovane ragazza italiana di vent’anni che si è recata in un albergo di via Prè assieme ad un conoscente. Quest’ultimo la avrebbe poi lasciata nelle mani di un marocchino che ha abusato di lei.

Le indagini sono in corso per capire se la giovane è stata scambiata per una dose di droga o se lei stesse avesse fatto uso di sostanze prima dell’abuso.

Questa escalation di violenza era già partita nel pomeriggio di sabato quando una donna di 40 anni ha raggiunto il Pronto Soccorso dell’ospedale Galliera denunciando: “mi hanno drogata e violentata in più uomini.

Subito la donna è stata assistita da uno psicologo e visitata nel reparto di ginecologia per accertare le lesioni. La denuncia è intanto stata accolta dai carabinieri.

Crescono così impietosi i numeri che dicono che in questo 2022 sono già state 97 le donne vittime di femminicidio e i dati Istat riportano che il 31% delle donne nell’arco della propria vita subisce almeno una violenza. Numeri tristi e nella classifica della paura la Liguria sfigura, apparendo in avanzate posizioni rispetto ad altre regioni.

Una tragedia che si consuma quotidianamente nella nostra Italia. Tra le mura domestiche o nei luoghi pubblici, o in quelli che dovrebbero essere più sicuri di tutti come scuole o sedi istituzionali. Nel silenzio e nell’indifferenza generale.

Per visionare le misure da prendere in caso di violenza o abuso leggere qui.

Francesca Galleano

 

Può interessarti anche:

Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne: il 37% non dispone di un conto corrente, la violenza economica è un fenomeno diffuso e il lavoro non è per tutte

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info Francesca Galleano

Avatar photo
Francesca Galleano, 25 anni, laureata in Lettere e in Informazione ed Editoria. Appassionata di calcio, cultura, viaggi e fotografia. Caparbia, determinata e responsabile ma anche sognatrice e capace di stare contemporaneamente con i piedi per terra ma la testa tra le nuvole.

Lascia un commento

Liguria.Today