Smartphone genitori e figli
Stile di vita

Smartphone, genitori e figli: la proposta di un’alleanza

Abbiamo già affrontato in questa rubrica i problemi correlati all’uso di internet e altro nella popolazione giovanile. Ci ritorniamo su un argomento specifico che è emerso in questo periodo confrontandoci con genitori e docenti. Tale argomento è l’uso improprio degli smartphone.

I dati sono noti, secondo l’Agenzia Italia l’82% dei giovani ne fa un uso improprio. Circa il 50% per combattere la noia e circa il 23% come unica possibilità per sentirsi parte di un gruppo o essere accettati dagli altri. Il 22% circa è a rischio di addiction.

Inoltre, si legge (libri e giornali) e ci si relaziona sempre meno.

Anche se solo il 15% dei ragazzi ritiene opportuno che i genitori abbiano il diritto di controllare (anche indirettamente) l’attività svolta con lo smartphone dei propri figli, noi pensiamo che invece sia opportuno proporre delle soluzioni.

Durante i nostri incontri ricordiamo che lo smartphone è uno strumento di enorme utilità, ma che si può trasformare in uno strumento di impoverimento mentale, di schiavitù e di isolamento dal mondo reale.

  • Ricordiamo con insistenza i seguenti punti: quando viene pubblicato qualsiasi contributo, si accetta la possibilità che vi rimanga per sempre
  • è come scrivere con un “pennarello indelebile”: in caso di dubbi, non bisogna mai pubblicare per evitare problemi con la giustizia o per evitare di essere ricattati
  • non scrivere mai dati personali o fotografie improprie
  • non fidarsi mai di chi dice di essere amico o di chi dice di conoscere qualche parente o amico.

Inoltre i genitori dovrebbero concordare le seguenti proposte:

  • 1) scegliere insieme la password,
  • 2) scegliere insieme le app da installare,
  • 3) ad una certa ora della sera deve essere spento,
  • 4) quando si è in compagnia o a tavola è bene spegnerlo,
  • 5) non è elegante quando si parla o si è in compagnia di altre persone guardare il cellulare
  • 6) non utilizzarlo mai per diffondere messaggi o immagini di altri. Potrebbero creare danno o rovinare la vita ad altri ragazzi,
  • 7) se si deve dire qualcosa a qualcuno non essere vigliacchi e dirglielo di persona e non per iscritto,
  • 8) In caso di non rispetto del contratto lo smartphone verrà ritirato e si dedicherà un po’ di tempo alla riflessione.

Nell’ambito del Progetto Educazione a Corretti Stili di Vita curato dal Centro Studi del Centro Alcologico ASL3 “Auto Mutuo Aiuto, Programmi di Comunità e Formazione Caregiver” è stata introdotta la tematica relativa ai problemi correlati all’uso degli smartphone in quanto possibile causa anche di danni psico-fisici.

Le generazioni più giovani utilizzano gli smartphone per una varietà di attività come lo studio, l’intrattenimento, l’accesso a Internet o ai social network e la comunicazione sociale.

L’uso dello smartphone è diventato convenzionale nella nostra vita e ha introdotto cambiamenti nelle nostre attività e abitudini quotidiane.

L’uso improprio di tali dispositivi è causa di danni internistici (per es. sindrome metabolica), psicologici e può indurre anche dipendenza.

Inoltre, l’uso improprio è causa di possibili problematiche di ordine sociale. È opportuno prevenire tutto ciò.

Per tale ragione abbiamo deciso in accordo con la Associazione “Media Educazione Comunità” (Friuli Venezia Giulia) di proporre un patto d’alleanza fra genitori e figli per il corretto utilizzo dello smartphone.

Tale patto è stato condiviso con l’Istituto Comprensivo Scolastico di Teglia diretto dalla prof.ssa Maria Elena Tramelli.

Tale patto può essere un momento di riflessione fra genitori e figli per l’acquisizione di consapevolezza e responsabilità non solo da parte dei figli, ma anche da parte dei genitori stessi. E sarà a disposizione di tutti i genitori interessati dopo un periodo di valutazione al fine di trarne delle conclusioni scientifiche.

Per chiarimenti, commenti o suggerimenti si può scrivere a Patrizia Balbinot (Centro Studi del Centro Alcologico – patrizia.balbinot@asl3.liguria.it – Tel. 010-5552769) o Roberta Caviglia (Istituto Comprensivo di Teglia – robertacaviglia@icteglia.edu.it).

Ti può interessare leggere anche

Patologia delle dipendenze: necessaria una svolta culturale

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info Gianni Testino Patrizia Balbinot

Gianni Testino Balbinot Patrizia LiguriaToday
Lavoriamo in un settore sanitario che si occupa di patologie legate al consumo di alcol e/o sostanze da ormai più di quindici anni. Per Liguria.Today curiamo il magazine “Alcool, sostanze & C.”, un inserto bisettimanale che ha lo scopo di fornire informazioni utili alla lotta alle dipendenze e agli stili di vita scorretti, e scambiare con chi lo desidera, opinioni, pensieri riflessioni e critiche Gianni Testino è Primario SC Patologia delle Dipendenze ed Epatologia dell’ASL3 c/o Ospedale Policlinico San Martino e Coordinatore del Centro Alcologico Regionale Ligure. Patrizia Balbinot è Operatrice Socio Sanitaria, Caregiver Formale presso la SC Patologia delle Dipendenze ed Epatologia dell’ASL3 c/o Ospedale Policlinico San Martino e-Responsabile Segreteria Organizzativa del Centro Alcologico Regionale Ligure.

Lascia un commento

Liguria.Today