B2B Mare La Spezia
Porto di La Spezia

“B2B Mare La Spezia”, imprese della blue economy a confronto

Il 24 Novembre 2022 si terrà a La Spezia, presso il terminal crociere, l’evento “B2B MARE LA SPEZIA – al centro della blue economy“.

L’iniziativa è organizzata da Confindustria La Spezia, Cna La Spezia e supportata dalla Camera di Commercio Riviere di Liguria, con l’obbiettivo di creare tavoli di confronto tra grandi e piccoli imprenditori coinvolti nel settore marino, nella blue economy ed in tutti i settori ad essi collegati.

Le iscrizioni saranno aperte fino al 16 novembre. L’adesione è gratuita.

B2B La Spezia
Manifesto dell’evento

La B2B Mare La Spezia

L’idea alla base del progetto consiste nel mettere in contatto e creare sinergia tra tutti gli anelli della filiera produttiva che ha in La Spezia il cuore pulsante.

La città è infatti “prima per numero di imprese coinvolte nel settore marittimo e seconda per occupazione” spiega Davide Mazzola, presidente Cna La Spezia.

Creare una filiera per la crescita del settore è fondamentale, con attenzione all’aspetto sociale (ovvero i dipendenti) e ambientale.”

Dalla cantieristica alla difesa, la città racchiude il maggior numero di maestranze impiegate nel settore marittimo e la B2B (business to business) rappresenta un’occasione per creare una sinergia tra di esse, mettendo a confronto con i colossi, le piccole e micro imprese.

Parallelamente agli incontri, che dovrebbero consentire di far conoscere nuove imprese, avviare collaborazioni e coordinare progetti, saranno tenuti parallelamente anche dei seminari tecnici e saranno allestiti dei corner tematici.

Connessa alla nautica è anche un’ampia gamma di servizi turistici e portuali, che va dalle scuole nautiche al trasporto delle imbarcazioni, dal rimessaggio al refit” aggiunge Mazzola

Un combinato disposto che vale il 44% del giro d’affaricontro il 56% della produzione, e che rende la nautica molto più rilevante di quanto emerga dalle statistiche ufficiali. L’insieme delle attività della filiera nautica non è censito, e non si ha, dunque, l’esatta contezza dell’insieme delle lavorazioni correlate. Proviamo a creare contatti e rete tra le attività di questo comparto perché qui risiedono le eccellenze del settore a livello nazionale ed è giusto che venga riconosciuta la centralità che ha per il settore il nostro territorio”.

La parola d’ordine sembra essere dunque “ampliare la filiera per ridurre la filiera.”

 

Può interessarti leggere anche 

La Spezia, 12 milioni di euro per l’elettrificazione del porto

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info Fabio Comazzi

Lascia un commento

Liguria.Today