Seguici su google news
giovani Friday For Future
Friday For Future - Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Tornano in corteo a Genova i ragazzi di Friday For Future: “Siamo nella bratta”

In queste giornate di Salone Nautico, dove più che nelle precedenti edizioni sono al centro dell’interesse collettivo le nuove tecnologie, barche, yacht e accessori pensati in ottica di rispetto per l’ambiente, l’attenzione continua a essere puntata sui cambiamenti climatici.

Sono scesi in piazza questa mattina, infatti, i ragazzi di Friday for Future per manifestare la propria preoccupazione per il futuro del pianetagravemente minacciato dai cambiamenti climatici le cui conseguenze stiamo sperimentando sulla nostra pellee per il loro, sempre più incerto a causa della crisi economica.

Tornano in strada i ragazzi di Friday For Future

Sono stati molti i cartelloni sventolati in aria durante la marcia che ha preso il via dalla zone dalla metro di Principe fino in piazza De Ferrari.

A sfilare in corteo sono stati circa 300 giovani genovesi di tutte le età che, seguendo il richiamo di Greta Thunberg e l’esempio di altri coetanei sparsi per l’Italia, hanno voluto tornare nuovamente a richiamare l’attenzione sulle tematiche climatiche.

No planet no pesto“, “Ci state bruciando il futuro“, “Stop sussidi ai combustibili fossili“, questi alcune delle scritte riportate sui cartelloni. O ancora “L’unica transizione possibile è quella dal basso, siamo stufi di pagare i costi dell’inerzia del governo“. Infine, un chiaro e coinciso “Siamo nella bratta“.

I manifestanti hanno chiesto “un mondo migliore e senza inquinamento anche per i miei figli” e intonato slogan come “agire ora” e “ci avete rotto i polmoni“.

La crisi climatica e sociale pesa soprattutto su di noi – ha spiegato una giovane ragazza – venerdì è morto un ragazzo in alternanza scuola lavoro ed è il terzo, questo è inaccettabile. Siamo in piazza perché pretendiamo giustizia climatica e giustizia sociale“.

Vogliamo che venga dichiarata un’emergenza climatica internazionale e che vengano prese decisioni adesso” dice un altro liceale. La situazione attuale “non si può più ignorare, se non si prendono provvedimenti per fermare le emissioni di co2 sarà un disastro a tutti i livelli“.

Come già accaduto gli anni passati, il corteo si è fermato davanti alla sede dell’Università di Genova, che ha sempre sostenuto la causa climatica degli attivisti di #FrideyForFuture, per un confronto con gli studenti universitari che hanno spiegato le iniziative messe in campo per ridurre le emissioni.

 

Può interessarti leggere anche

Caro energia: cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi mesi?

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La redazione di LiguriaToday
La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today