Seguici su google news
Funivia Principe-Begato
Lagaccio

Funivia Principe-Begato: a poche ore dall’aggiudicazione i primi NO degli ambientalisti

Non ha fatto in tempo ad essere annunciata l’avvenuta aggiudicazione della realizzazione della funivia Principe-Begato che già si sono alzate le voci contrarie all’opera infrastrutturale.

 ” Massima contrarietà all’ipotesi di costruzione di una funivia che colleghi Principe con il forte Begato.”

Lo ha detto l’associazione ambientalista Italia Nostra che nella nota rilasciata ha poi spiegato: “I piloni alti oltre 60 metri, passerebbero sopra il martoriato quartiere del Lagaccio, con pericolo per la cittadinanza. Il paesaggio verrebbe sfregiato da un impianto decisamente incongruo. Senza contare che la previsione di spesa per la sola costruzione è già aumentata a 33,8 milioni di euro”.

Italia Nostra prosegue: “E’ indispensabile vedere preliminarmente l’analisi dei costi e dei benefici. Dubitiamo che la futura funivia possa essere economicamente sostenibile. Infatti, oltre alla costruzione dell’opera vanno attentamente valutati i costi di esercizio e manutenzione. Viviamo un tempo in cui gli impianti sciistici sono in grandissima sofferenza, nonostante abbiano flussi di passeggeri che a Genova non potremo mai neppur e immaginare. Se il Comune intende far conoscere i forti, può valorizzare la già esistente cremagliera di Granarolo e la funicolare Zecca – Righi, che portano in quota turisti ed escursionisti. In particolare la cremagliera ha un tracciato quasi sovrapponibile a quello della funivia che si vorrebbe costruire”.

Secondo l’associazione, inoltre, conl’utilizzo dei fondi del PNRR che erano destinati alla riqualificazione dei forti il Comune dilapida, in un opera inutile e dannosa per la città, quasi la metà dei danari che sarebbero dovuti essere impiegati per conservare il sistema dei forti genovesi“. Il PNRR è un’occasione imperdibile per la transizione energetica. I fondi devono essere destinati esclusivamente ad opere ed interventi che permettano di salvare il pianeta dai cambiamenti climatici, innovando, riducendo gli sprechi e puntando ad un’impronta ecologia azzerata” conclude la nota

Funivia Principe-Begato: chi si è aggiudicato il bando di gara?

E’ stata pubblicata  il 6 settembre la determina dirigenziale del Comune che segna la conclusione della procedura di dialogo competitivo avviata nell’autunno scorso. Procedura che poi era stata riformulata in seguito al modificato quadro economico dell’opera che la vedrà finanziata interamente da fondi Pnrr.

Nella comunicazione il Comune di Genova ha fatto sapere che ad essersi aggiudicato il lavoro di realizzazione della Funivia Principe-Begato è stato il raggruppamento temporaneo di imprese formato da Doppelmayr Italia e Collini

Ancora top secret il progetto.

Ma dai documenti si sa che l’offerta di Doppelmayr/Collini, l’unica pervenuta alla terza fase dell’iter procedurale, si basa su un 33,8 milioni di euro con un ribasso dell’0,15% rispetto alla base di gara.

Della cifra complessiva 1,7 milioni saranno destinati a rilievi, accertamenti, prove ed indagini, bonifica bellica, completamento della progettazione di fattibilità tecnico ed economica, della progettazione definitiva/esecutiva, nonché del coordinamento della sicurezza in fase di progettazione.

Doppelmayr Italia è il ramo italiano della casa madre austriaca, la Doppelmayr Garaventa, una delle imprese leader del settore a livello mondiale. Mentre Collini costruzioni, che ha sede a Trento, è impegnata nell’edilizia civile e industriale.

 

Può interessarti leggere anche

Avanza il Tunnel sub portuale di Genova: le criticità del progetto

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La redazione di LiguriaToday
La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today