Seguici su google news
Omicidio Clara

Morto il figlio della commerciante uccisa in via Colombo: ipotesi di omicidio. È giallo

Sono in corso le indagini sulla morte di Mauro Risone, figlio di Clara Ceccarelli, commerciante genovese uccisa un anno e mezzo fa. Scatta l’ipotesi di omicidio.

Dopo la morte di Mauro Risone si indaga sull’ipotesi di omicidio. 41 anni, disabile e diabetico, era figlio di Clara Ceccarelli, commerciante di 69 anni uccisa un anno e mezzo fa nel suo negozio di pantofole.

Situato in via Colombo, la commerciante era stata accoltellata dentro il punto vendita, poco prima dell’orario di chiusura dall’ex Renato Scapusi, disoccupato di 60 anni condannato all’ergastolo. Clara lo aveva lasciato per i suoi problemi di ludopatia. Quella sera, dopo averla uccisa, Scapusi era scappato ed era stato rintracciato dagli agenti mentre cercava di suicidarsi.

A luglio 2022 a mancare è stato Mauro, l’unico figlio della commerciante. Il decesso è avvenuto in circostanze poco chiare: ricoverato il 3 luglio al Galliera in quanto vomitava sangue, è morto in ospedale. Per via di sostante caustiche ingerite, è stato colpito da tre ulcere fatali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > E’ morta la Regina Elisabetta: addio alla sovrana più longeva. Lutto nazionale nel Regno Unito

Morto il figlio della commerciante di via Colombo uccisa nel 2021: ipotizzato l’omicidio

Dopo il decesso del 41enne, è stata disposta l’autopsia, eseguita dal medico legale Camilla Tettamanti: si attende l’esito degli esami tossicologici.

Intanto gli investigatori della squadra mobile nelle scorse settimane hanno sentito la badante del nonno e alcuni parenti dell’uomo.

Gli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero Paola Crispo, sono al lavoro: è scattata l’ipotesi di omicidio. A dettarlo potrebbero essere questioni ereditarie. Risone era l’unico parente diretto di Clara e la cospicua eredità – composta da ben 5 appartamenti e 135 mila euro – era finita a lui.

Altra possibilità è quella di bullismo in quanto il 41enne potrebbe essere stato preso di mira da alcuni ragazzi e costretto a bere sostanze corrosive.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Paura a Sant’Olcese, minacce di morte per la sindaca: lettera agghiacciante. Indagini in corso

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info Virginia Grozio

Classe 1990, sono laureata in Informazione, editoria e giornalismo presso l'Università degli Studi di Genova. Dopo il mio percorso di studi ho intrapreso la strada del giornalismo, collaborando con testate cartacee e online. Appassionata di moda e tematiche sociali. Eclettica e piena di idee, da sempre credo nell'importanza di inseguire i propri sogni.

Lascia un commento

Liguria.Today