Seguici su google news
Ansaldo Energia protesta

Appello per salvare Ansaldo Energia. Piccola impresa di Genova: “Vicini alle elezioni, i partiti salvino l’azienda”

L’appello arriva direttamente dal tavolo della piccola impresa di Genova che riunisce Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna e Coldiretti, un messaggio diretto alle forze politiche per salvare Ansaldo Energia:

“L’azienda ha 1700 dipendenti a Genova e Provincia e circa altri 4000 se si pensa all’indotto che crea: ha grandi professionalità e una assoluta eccellenza nel panorama mondiale. In un momento in cui la transizione energetica è al centro degli interessi mondiali il nostro Paese non può ritardare il proprio impegno diretto”.

Con oltre 175.000 MW installati in più di 90 paesi e circa 4.000 dipendenti, Ansaldo Energia è la più grande azienda in Italia e una tra le principali del mondo per la fornitura, l’installazione e il service di impianti e componenti per la generazione di energia; nonché una delle migliori espressioni della tecnologia e capacità innovativa nel settore energetico.

L’appello della nota continua:

“Ricordiamo anche che la storia di Ansaldo è la storia stessa della transizione energetica. Siamo vicini alle elezioni politiche ed è indispensabile che tutti i partiti assicurino il massimo impegno per salvare Ansaldo Energia e dare prospettive future ad una azienda storica del nostro territorio e per salvaguardare il lavoro di migliaia di dipendenti. Questo è quello che chiediamo con forza per la nostra città e per il nostro paese. Siamo certi che il nostro appello, come rappresentanti delle imprese che costituiscono il tessuto economico della città, non potrà rimanere inascoltato e siamo quindi disponibili ad un confronto”.

Ansaldo Energia in crisi

L’azienda è in grave crisi e ha chiuso il primo semestre dell’anno registrando una perdita di 442 milioni. La società controllata all’88% da Cassa Depositi e Prestiti prende atto della “sopraggiunta impossibilità” a raggiungere gli obiettivi finanziari per l’anno 2022 e a realizzare l’attuale piano industriale. Secondo l’azienda sarebbero le conseguenze della guerra in Ucraina e l’inflazione ad aver determinato un bilancio così pesante. Nel nuovo piano industriale si punta a una razionalizzazione che però non convince i lavoratori.

La società di macchinari e impianti energetici ha recentemente comunicato dati negativi per il primo semestre 2022 che a suo dire non le permetteranno di raggiungere gli obiettivi economici stabiliti nel bilancio di quest’anno e di non poter realizzare il suo piano industriale. Il consiglio di amministrazione ha allora approvato le linee guida di uno nuovo e incaricato l’amministratore delegato di accordarsi con gli azionisti di riferimento per una manovra finanziaria.

Ansaldo Energia ha giustificato i suoi risultati con la crisi dei prezzi e delle forniture di gas naturale, che ha fatto calare la propensione agli investimenti in questo combustibile e danneggiato le sue commesse. La società ha perso però la gara per la centrale a gas di Ostiglia, aggiudicata dalla società ingegneristica Fata del gruppo Danieli.

 

Vittorio Dufour

 

Foto di copertina: La Repubblica

Può interessarti leggere

Turismo positivo ad agosto, Genova tra le 15 mete turistiche europee più interessanti

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La redazione di LiguriaToday
La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today