Seguici su google news
Presentazione in tavola del Gazpacho

Ecco come ti sistemo il…Gazpacho!

Estate caldissima, torrida… troppo afosa per cucinare piatti complicati. Mai come quest’anno si desiderano cibi leggeri, ma la voglia di sperimentare non ci abbandona!

Eccovi allora un qualcosa di fresco, sano e diverso dai soliti aperitivi e dai comuni antipasti, adatto alle cene estive più originali.

Ho attinto questa volta alla tradizione spagnola – andalusa per l’esattezza – e mi sono ispirata alla ricetta del gazpacho, una zuppa fredda, non cotta, a base di pomodoro, verdure e pane raffermo, che veniva preparato dai contadini per ristorarsi dal duro lavoro nei campi.

La ricetta originaria prevede l’uso di peperoni verdi e rossi, che però non a tutti sono graditi, in quanto scarsamente digeribili, soprattutto se consumati crudi.

Per questo motivo vi propongo un “mio” Gazpacho rivisitato e corretto, che  sono sicura conquisterà anche i palati più raffinati.

Pur mantenendo tutti gli altri ingredienti, ho sostituito i peperoni con il melone, ottenendo una versione di questa vellutata molto appetitosa ma anche molto leggera.

Come già detto la preparazione non prevede cottura a freddo ma alcuni importanti accorgimenti da non sottovalutare, che a seguire vi illustrerò in ogni più piccolo dettaglio.

 

Ingredienti per il Gazpacho
Ingredienti per il Gazpacho

Intanto procuriamoci gli ingredienti per 6 – 8 porzioni:

  • 900 gr di pomodori pendini + 1 ridotto a cubetti piccolissimi per la guarnizione
  • 250 gr di melone
  • 150 gr di cetrioli [ 1° accorgimento: meglio se della qualità “carosello”, che in realtà è una varietà di melone da consumarsi acerbo ]
  • 100 gr di cipollotti rossi freschi+ 1 tagliato a fettine sottili per la guarnizione
  • 200 gr di mollica di pane raffermo
  • 3 cucchiai di aceto[ 2° accorgimento: rigorosamente di mele ].
  • 4 cucchiai di olio extravergine
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale, pepe e peperoncino
  • crostini o pane biscottato ( eccezionale quello sardo)
Pane tagliato a cubotti

 

Innanzi tutto tagliate il pane a cubotti a ammorbiditelo con 1 bicchiere d’acqua abbondante e l’aceto.

Preparatevi nel frattempo i pomodori [ 3° accorgimento: tuffandoli in acqua bollente soltanto pochi istanti, per poterli privare della pelle ]. Quindi pulite il melone e le altre verdure, tagliatele e ponetele con i pomodori spellati in un frullatore con il sale, le spezie, l’olio e l’aglio fresco, privato in ogni caso dell’anima se presente e frullate a lungo, in modo da ottenere un composto molto fluido.

 

Pane biscottato per Gazpacho

 

A parte strizzare la mollica e ridurla a crema con un mixer. Aggiungerne poca per volta al frullato – azionando le lame ad intervalli per amalgamare il composto – sino alla consistenza desiderata. [ 4° accorgimento: non dovrete necessariamente utilizzarla tutta. Assaggiate la preparazione e seguite quel che il vostro gusto vi suggerisce].

 

Preparazione del Gazpacho

 

A questo punto il vostro Gazpaco andrà fatto raffreddare per bene in frigorifero, per almeno 2/3 ore.

[ 5° e ultimo accorgimento: se lo presenterete come antipasto potrete spezzettare il pane biscottato sul fondo delle coppette. Se invece lo vorrete utilizzare come aperitivo, sceglierete dei bicchieri alti e svasati, senza crostini].

Non dimenticate infine la guarnizione da realizzarsi con piccoli cubetti di ghiaccio, cubettini di pomodoro e fettine di cipolla!

 

Gazpacho pronto
Gazpacho pronto

 

Effetto stupefacente assicurato!

 

Può interessarti leggere anche

Il dolce italiano per eccellenza: il Tiramisù

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info Maria Paola La Magna

Studi giuridici. Ha svolto attività di PR per i primi 15 anni lavorativi, per poi dedicarsi al settore della Comunicazione nella Pubblica Amministrazione. Per passione è stata una pioniera dell'Home Restaurant a Genova. Il senso della continua ricerca estetica le proviene dal padre, il pittore genovese Raimondo La Magna.

Lascia un commento

Liguria.Today