Seguici su google news
Omicidio Alice Scagni
Alice Scagni

Omicidio Alice Scagni: sentite 10 persone in Procura. A breve i primi nomi degli indagati

La procura di Genova ha sentito dieci persone, tra poliziotti e personale dell’Igiene mentale, nell’ambito dell’inchiesta per omissione d’atti d’ufficio e omissione di denuncia dopo gli allarmi dei familiari di Alice Scagni, la donna di 34 anni uccisa sotto casa il primo maggio dal fratello Alberto.

A breve potrebbero essere iscritti nel registro degli indagati i primi nomi.

Scagni ha ucciso la sorella, madre di un bimbo di un anno e 4 mesi, perché voleva più soldi dalla famiglia.

La mamma di Alice e Alberto, Antonella Zarri, subito dopo l’omicidio aveva puntato il dito contro le forze dell’ordine e i medici che non avevano ascoltato le sue richieste di aiuto.

Nei giorni scorsi ha lanciato un duro attacco alla procura.

“Abbiamo cercato aiuto nelle istituzioni. Ci siamo imbattuti in una fredda e ignorante burocrazia. Indolente – ha scritto in una lettera – ma prepotente nel suo reiterato e pigro rifiuto di farsi carico del proprio ruolo di garanzia ed aiuto verso i cittadini in difficoltà”.

Subito dopo l’omicidio la donna aveva raccontato che dal 22 aprile c’era stata una escalation di episodi preoccupanti. In particolare il 30 aprile era stata chiamata la polizia dopo che era stata incendiata la porta di casa della nonna dei giovani che abita nello stesso condominio del nipote.

Le forze dell’ordine erano state indirizzate verso Alberto.

Il primo maggio, sette ore prima del delitto, i genitori avevano chiamato ancora il 112 dicendo che il figlio li aveva minacciati di sgozzarli ma erano stati invitati a fare denuncia il giorno dopo.

Gli investigatori della mobile, coordinati dal procuratore Francesco Pinto e dall’aggiunto Vittorio Ranieri Miniati, avevano aperto il fascicolo per capire se vi fosse stata una mancata denuncia da parte della polizia e un ritardo nella presa in carico dell’uomo

Omicidio Alice Scagni: “Era il cuore della nostra famiglia”.

Queste le parole di Antonella Zarri, madre delle vittima. Che ha poi anche aggiunto “Mio figlio sapeva che uccidendola avrebbe colpito noi“.

Il gesto di Alberto, che ha accoltellato la sorella con 37 fendenti mentre era intenta a buttare l’immondizia sotto casa, era dunque premeditato e mirava a “colpire” i genitori.

Mio figlio era arrabbiato col mondo.”- ha dichiarato sempre la signora Zarri. “Diceva che si vergognava di respirare la stessa aria di sette miliardi di cogl… Per questo avrebbe ucciso chiunque”.

 

Foto di copertina: Ansa Liguria

Ti può interessare leggere anche

Al via il piano urbano per la riqualificazione del quartiere di Sampierdarena

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La redazione di LiguriaToday
La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today