Seguici su google news
Ansaldo corteo lavoratori
Ansaldo corteo lavoratori (Foto Facebook)

Ansaldo Energia: il corteo dei lavoratori blocca il casello Genova Ovest. Traffico paralizzato

I lavoratori di Ansaldo Energia hanno animato un fitto corteo. Partiti dagli stabilimenti di Certosa, hanno attraversato Sampierdarena per poi raggiungere il casello di Genova Ovest. Il traffico è in tilt.

 

Dopo l’annuncio di ieri della chiusura in rosso del primo semestre, i lavoratori di Ansaldo Energia sono scesi per le strade.

Stamattina, 2 agosto, hanno dato il via a un corteo: partiti dagli stabilimenti di Certosa si sono mossi in direzione Sampierdarena per poi raggiungere il casello di Genova Ovest, bloccandolo.

Il traffico è in tilt: si stanno registrando disagi per la circolazione con la creazione di code all’ingresso e all’uscita dello svincolo della A7.

I lavoratori stanno presidiando entrambe le carreggiate nello svincolo: si sono spostati all’ombra, permettendo alle auto sotto al sole di passare. Per ora non è chiaro quanto durerà il presidio.

Ansaldo Energia, il corteo dei lavoratori: presenti in centinaia

Il corteo dei lavoratori Ansaldo ha preso il via stamattina vedendo partecipi in centinaia. La protesta è scattata dopo l’annuncio di ieri dell’Amministratore delegato Giuseppe Marino in merito alla chiusura del primo semestre con una perdita di 442 milioni.

Prima del corteo, i dipendenti hanno fatto un’assemblea davanti ai cancelli. “Quello che sta accadendo in Ansaldo Energia è una vera e propria vergogna che non lasceremo passare”, sottolinea Igor Magni, Segretario generale della Camera del Lavoro di Genova.

“La priorità ora è fare quadrato per salvare e dare prospettive a un’azienda storica del territorio e strategica per il Paese: sindacato, politica, istituzioni devono remare tutte nella stessa direzione scongiurando il peggio e cercando soluzioni che non penalizzino le maestranze, le uniche che in questa vicenda non hanno responsabilità. Il fallimento di Ansaldo Energia sarebbe un colpo mortale per l’industria genovese e del Paese”, conclude Magni.

“Marino ci ha convocato dicendo che sta per portare i libri in tribunale – sottolinea Federico Grondona Delegato sindacale Fiome che non ci sono commesse fino al 2023 e il 2024. Ci dicono che il problema è la guerra ma non è vero, la verità è che non sono capaci a prendere commesse e portare il lavoro in fabbrica. Sul ponte di Cornigliano il corteo è stato raggiunto da una delegazione dei lavoratori dell’Ex Ilva e una dei lavoratori di Fincantieri, che solidali si sono uniti al corteo che ha poi preso la direzione di Sampierdarena.”

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info Virginia Grozio

Classe 1990, sono laureata in Informazione, editoria e giornalismo presso l'Università degli Studi di Genova. Dopo il mio percorso di studi ho intrapreso la strada del giornalismo, collaborando con testate cartacee e online. Appassionata di moda e tematiche sociali. Eclettica e piena di idee, da sempre credo nell'importanza di inseguire i propri sogni.

Lascia un commento

Liguria.Today