Seguici su google news
Alessandro Pitto
L'importanza di Fedespedi per le piccole e medie aziende.

Presidenza Fedespedi: Alessandro Pitto di Spediporto si candida per le elezioni del 21 giugno

Pitto candidato Fedespedi alle elezioni del 21 giugno

Alessandro Pitto, da vent’anni in Spediporto, gli ultimi sei come Presidente, oggi candidato alla presidenza di Fedespedi, la federazione italiana degli spedizionieri.

Competenze imprenditoriali, esperto di economia marittima e di IT.

Alessandro Pitto è a capo dell’azienda familiare e può vantare una lunga esperienza in tutti i settori delle spedizioni marittime e nell’associazionismo.

 

Dr. Pitto, che cosa può dirci in merito alla sua candidatura alla presidenza di Fedespedi e quali sono i suoi obiettivi?

Il mio obiettivo è quello di poter mettere la mia esperienza e la mia professionalità, maturate in oltre vent’anni di esperienza nell’associazionismo, al servizio delle nostre imprese.

È importante continuare il lavoro svolto dal consiglio direttivo in questi ultimi tre anni.

Il nostro compito è quello di aiutare le nostre aziende a superare le numerose sfide che si trovano davanti.

Usciamo da anni difficili e da una serie di congiunture negative. Una situazione decisamente complessa all’interno della quale è per noi fondamentale poter supportare le nostre aziende.

 

Alessandro Pitto candidato Fedespedi

 

Finalmente arrivano i soldi del PNRR per gli investimenti soprattutto nel settore strategico della logistica.

Quale cabina di regia prevede per poterli sfruttare al meglio?

 

Il PNRR è sicuramente una grossa opportunità. Nell’ambito della logistica si sosterranno vari tipi di riforme e di investimento anche per quanto riguarda le infrastrutture, il tema della sostenibilità e della conversione al green.

Come società di spedizione abbiamo lavorato molto in merito ai temi della digitalizzazione delle nostre imprese e il PNRR prevede ingenti investimenti in questo campo.

Continueremo a lavorare affinché questi fondi possano essere utilizzati al meglio nell’ottica di modernizzazione delle nostre imprese che possono risultare così sempre più competitive.

 

 

Dr. Pitto, nel corso degli anni l’attività dello spedizioniere è cambiata e bisogna guardare al futuro.

È importante preparare i giovani con competenze adeguate affinchè possano accostarsi a questa professione. Quale può essere lo spazio per le nuove generazioni?

È vero che la nostra professione si evolve di continuo ed è anche questo un aspetto affascinante seppur faticoso.

Ho sempre definito lo spedizioniere un po’ l’architetto del trasporto. È colui, cioè, che mette insieme, progetta e coordina le varie fasi del trasporto.

Si va ormai verso processi sempre più complessi. Lo spedizioniere sta diventando l’ingegnere del trasporto.

Il mondo intorno a noi sta cambiando e con esso, ad esempio, i nostri rapporti con le dogane.

C’è sicuramente spazio per i giovani per questa professione affascinante, complessa e ricca di sfaccettature. Come associazione ci impegniamo affinché i giovani che desiderano intraprendere questo percorso possano ricevere la formazione più idonea.

 

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La redazione di LiguriaToday
La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today