Seguici su google news
Educazione stili di vita
Stile di vita

Educazione a corretti stili di vita a Palazzo Ducale

Il convegno sull’educazione a corretti stili di vita tenutasi a Palazzo Ducale nella Sala del Minor Consiglio ha visto la presenza di cinquanta bambini di medie ed elementari e oltre trecento che seguivano a distanza dalle loro aule.

Patrizia Balbinot, Operatrice sociosanitaria del Centro Alcologico, e il Dott. Gianni Testino, Direttore SC Patologia delle Dipendenze ed Epatologia alcol correlata e Coordinatore del Centro Alcologico Regionale Ligure, sono riusciti sapientemente ad attirare l’attenzione dei bambini presenti trattando le tematiche dell’abuso dell’alcol ma anche della dipendenza da fumo e da sostanze stupefacenti.

Educazione a corretti stili di vita

 

L’alcol è infatti oggi uno dei maggiori fattori di rischio evitabili. È una delle prime tre aree prioritarie di salute pubblica a livello mondiale. E, inoltre la prima causa di morte al di sotto dei 24 anni. Ciò accade soprattutto per fenomeni di incidentalità stradali, atti di violenza e suicidio. Inoltre, dal punto di vista fisico, si iniziano a favorire 60 patologie differenti fra cui diversi tipi di tumore.

I due relatori hanno spiegato ai bambini che non esistono alcolici “buoni” e alcolici “cattivi”. Tutte le bevande alcoliche sono accumunate dalla presenza di etanolo. Piccola molecola in grado di danneggiare tutto l’organismo che troviamo sia nel vino, che nella birra, che nei superalcolici, senza alcuna distinzione.

Quando si assume un’unità alcolica, la flora batterica presente nella bocca metabolizza parte dell’etanolo, lo stomaco ne consuma un’altra parte e la restante viene convogliata nel fegato. Il fegato ha la funzione di ripulire l’organismo dalle sostanze tossiche. Quindi manda l’etanolo rimanente a reni e polmoni che saranno in grado di eliminarlo.

In questo modo l’etanolo si trasforma in acetaldeide. Etanolo e acetaldeide sono sostanze tossiche, carcerogene, teratogene (danni all’embrione-feto) e possono dare dipendenza. L’etanolo è infatti una sostanza psico-attiva, che equivale ad una droga a lungo andare.

È importante l’educazione a corretti stili di vita ai giovani d’età sulla tematica dell’abuso dell’alcol in modo che nell’adolescenza possano evitare determinati comportamenti pericolosi e dannosi per la loro salute. Tra gli adolescenti, infatti, è molto comune la pratica del “binge drinking”, ossia il consumo elevato di alcol in poco tempo. Può portare ad un’infiammazione del cervello e spesso ad intossicazioni acute e come etilico.

Patrizia Balbinot e Dott. Gianni Testino del Centro Alcologico Regionale Ligure

Buona parte del convegno è stata poi dedicata a rispondere alle domande, spesso ingenue ed innocenti, dei bambini cercando anche di sfatare quei falsi miti cui siamo soliti credere. Non è corretto dire che l’alcol faccia “buon sangue” né tanto meno che sia consigliabile per prevenire infarti, ad esempio.

 

Educazione ai corretti stili di vita
Asl3 e il Direttore Luigi Carlo Bottaro hanno promosso il convegno, realizzando il libro Per un nuovo management della prevenzione – educazione a corretti stili di vita. Strumento che raccoglie le conoscenze scientifiche frutto della lotta alle dipendenze con lo scopo di educare i giovani e non.

Articolo di Ginevra Ferro

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today