Elezioni comunali: presentata stamattina la lista “Uniti per la Costituzione”

Presentata stamattina dal senatore Mattia Crucioli la lista che correrà col nome di Uniti per la Costituzione alle elezioni comunali di Genova. La lista racchiude esponenti di Noi con l’Italia, L’Alternativa, Ancora Italia, Italexit.

Il capolista del gruppo che sostiene la candidatura a sindaco di Mattia Crucioli è uno scienziato nonché Associato di Ricerca Senior del Cnr – Gianmarco Veruggio, fondatore della scuola di robotica del Cnr.

La lista di Crucioli è la prima lista chiusa, e alcuni nomi sono stati scelti tramite i caucus, una sorta di primarie di piazza o di votazioni democratiche dal basso. Infatti sarà candidato per Uniti per la Costituzione anche uno dei leader di Libera Piazza – il giovane Leonardo Sinigaglia. Chiara Ottonello, anima del comitato Abitanti sotto ponte Bisagno. 

Mattia Crucioli ha detto che “Si tratta di una lista promossa da diverse forze politiche che si contrappongono a Draghi, e che danno vita a una forza unitaria a difesa dei principi costituzionali violati da questo governo. Di cui non condividiamo la linea in campo sanitario, e nemmeno la posizione italiana ed europea nel conflitto Russia-Ucraina”.

Una lista composta da 22 donne e 18 uomini. “L’età media” ha proseguito Crucioli “è di quarant’anni e cinque candidati hanno un’età inferiore a 30 anni”.

Mattia Crucioli propone il tema di una maggiore trasparenza in Comune e l’ascolto dei territori. Oltre a una grande attenzione all’ambiente, che la delinea come una priorità “All’interno della lista ci sono cittadini interessati a tematiche ambientaliste che saranno al centro della nostra battaglia, noi diciamo no alle cementificazioni, a partire da quella selvaggia di Vesima”.

A precisa domanda su cosa farebbe in caso di elezione a sindaco, Mattia Crucioli ha risposto che lascerebbe il seggio di senatore per ricoprire la carica di sindaco di Genova. In caso invece di elezione a consigliere, valuterebbe di mantenere entrambe le cariche dal momento che non ci sarebbe incompatibilità.

In sintesi, la lista di Crucioli si oppone alla politica del governo Draghi, sia interna sia estera (come l’invio di armi in Ucraina), e afferma di battersi per una società con più lavoro e meno disuguaglianze, di offrire un maggior ascolto dei territori, e di recuperare la dimensione della socialità e collettività.

Questi i “no” della Lista Crucioli:

al precariato

all’elitarismo del governo Draghi

alle politiche di disuguaglianza

al green pass

all’aumento delle spese per gli armamenti

 

 

 

 

 

 

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La redazione di LiguriaToday
La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today