Non dimenticarlo mai: recensione del romanzo di Federica Bosco

Non dimenticarlo mai di Federica Bosco è un romanzo di narrativa pubblicato il 21 ottobre da Garzanti.

Sulla soglia dei 50 anni, Giulia si ritrova a fare un bilancio della sua vita. Donna impegnata a livello lavorativo, un compagno da ormai 4 anni con il quale non convive, una madre che le ha rovinato l’infanzia e le condiziona il presente e un fratello a cui vuole un bene dell’anima. In questo riassunto sente che manca qualcosa: i figli. Ed è in quel momento che sopraggiunge un doloroso attacco di panico.

Che ne era stato dei figli? Perché non li aveva avuti?

La verità è che Giulia ha sempre pensato di non volerne, probabilmente scottata da quella figura materna più impegnata a giocare a carte e a far serata con gli amici che a crescere la figlia. E ora è forse troppo tardi?

Spronata dalla collega Barbara decide di parlare con Massimo, l’uomo con il quale divide la sua vita da quattro anni, e tentare l’inseminazione artificiale. Il percorso non è semplice, la strada è piena di ostacoli ma le possibilità ci sono.
Da quel momento per Giulia inizia una sorta di rinascita, una nuova vita che sarà totalmente opposta alla precedente.

Non dimenticarlo mai recensioneGiulia scoprirà che i figli che tanto spera di avere sono un suo progetto, un suo desiderio e questo suo “colpo di testa” sulla soglia dei cinquant’anni, farà scoprire le carte alle persone a lei vicine. Ma lei è così spaventata dall’idea di rimanere sola che vive la sua vita con delle fitte bende sugli occhi e soprattutto sul cuore, e porta avanti una relazione sentimentale dove accetta di tutto, dai segreti alle mancanze, dai colpi di testa alle bugie, dai fiori alle porte chiuse.
Scoprirà che quella con la madre è una relazione tossica tanto quella con il compagno, dalla quale sembra impossibile fuggire, se non malamente ferita. Per fortuna nella sua vita ci sono il suo fratellastro, che però non può starle accanto come vorrebbe, una matrigna che vive lontana, un padre a cui vuole bene, che però non è capace di esternare i propri sentimenti e Virgilio, un uomo conosciuto alla clinica di fecondazione assistita ad un controllo, durante il quale ovviamente si trovava da sola, e che sarà per lei una figura presente, in grado di riempire quei vuoti creati da altri e lenire per un po’ le brutture della vita. Peccato che Virgilio sia felicemente sposato.

Esiste il momento giusto per fare una determinata scelta? 
Non ho condiviso da subito la scelta di Giulia, non perché desidera avere dei figli a cinquant’anni, – anche se io mai lo farei, fosse solo per paura di viverli troppo poco, di perdermi i momenti speciali e crescere insieme su piani generazionali troppo differenti -, ma perché mancano tanti altri presupposti.
Giulia sa che non sarà una passeggiata quella di avere un figlio, eppure è decisa ad andare avanti. Giulia è fragile, confusa, sentimentalmente dipendente e tutte queste sono armi che usa per non vedere la realtà e accettarla.

A volte mi è sembrato un atto egoistico, altre un gesto che rispecchiava una profonda tristezza, altre un momento di semplice paura. Si può decidere di fare un figlio a cinquant’anni – e in determinate condizioni – solo per un rimpianto passato? O solo perché si ha paura della solitudine? Per un po’ Giulia l’ho giudicata, poi l’ho ammirata, poi l’ho biasimata, un po’ l’ho insultata, spesso avrei voluto abbracciarla, altre volte scuoterla. La verità è che non sono mai riuscita ad entrare in sintonia con lei. Sarà che in questo romanzo Federica ha messo dentro di tutto, troppo. Mi sono sentita frustrata per la vita così ingiusta di questa donna, completamente soggiogata e manipolata da madre e compagno, abbandonata dalle amiche senza un motivo logico, con un fratello da aiutare e un lavoro che sembra arrivare al capolinea. Sola. Così sola da dover chiamare un veterinario sposato – che non riesce ad avere figli con la propria compagna – per colmare, di non si sa bene cosa, dei vuoti ormai pieni di un silenzio assordante.

Lo ammetto, contrariamente ad altri libri della stessa autrice, che mi hanno sempre regalato tantissime emozioni, “Non dimenticarlo mai” è stata una lettura faticosa e difficile da digerire, anche se il finale vorrebbe lasciare un messaggio di rinascita. L’argomento trattato è delicato, tremendamente reale e brutale e questi sentimenti mi sono rimasti addosso anche a lettura conclusa; conservo un senso di tristezza verso Giulia e quello che ha passato.

Condividi su

Info Blog Esmeralda Viaggi e Libri

Le ragazze di Esmeralda viaggi e libri sono Sonia (Esmeralda), Dalia, Dannyella, Francesca, LoReads, Margherita, Roberta, Simona e Veronica. Quello che le accomuna è la passione per la lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Liguria.Today