Vinokilo

“Vinokilo” a Genova, tutti pazzi per lo shopping vintage: in coda per comprare vestiti a peso

Torna a Genova “Vinokilo”. Il più grande pop-up shop di Vintage al kilo, protagonista in questi giorni nel centro storico, sta riscuotendo un grande successo. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vinokilo – Vintage wonderland (@vinokilo)

Vestiti e bilance. A Genova torna “Vinokilo”, l’evento all’insegna del vintage in cui è possibile comprare al peso pezzi unici per distinguersi con stile, dando una seconda possibilità ad abiti di usati.

Presso il Munizioniere di Palazzo Ducale, da giovedì 4 fino a domenica 6, è possibile acquistare vestiti, cappotti, camice, accessori, scarpe e borse di seconda mano al kg.

Un grande ritorno nella Superba del pop-up shop di Vintage al kilo più grande d’Europa che fa tappa nel cuore del centro storico, dopo il rinvio dello scorso anno dettato dall’emergenza Covid.

In Piazza Matteotti si sono create code per poter accedere al mercatino in questi giorni. Un week end lungo in cui è possibile trascorrere, dalle 10 alle 20, un’esperienza unica tra abiti, musica, food, drink, artigianato, talk e laboratori.

Il tutto scovando perle rare di abbigliamento, con cui dare una spinta in più a ogni look. Inoltre è possibile realizzare uno shopping consapevole riuscendo a tutelare il pianeta ed evitando l’ennesimo acquisto fast fashion.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >  Tendenze capelli autunno inverno 2021-2022: tra tagli medi e giochi di luce per una stagione all’insegna dello stile

“Vinokilo”: grande ritorno nella Superba

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vinokilo – Vintage wonderland (@vinokilo)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Da Napoli a Genova, l’arte sartoriale di Ciro Marigliano “psicologo di stile”

“Vinokilo” ha riaperto i battenti a Genova, diventando protagonista di questo secondo weekend di novembre in cui è possibile acquistare capi vintage al kilo. I prezzi dell’abbigliamento variano in base a quantità, qualità e giorni: 50 euro al kilo giovedì, 45 euro venerdì e sabato, 40 domenica.

Per prendere parte alla manifestazione, a ingresso gratuito,  è necessario prenotare il proprio biglietto online. Inoltre è  obbligatorio possedere il Green pass e indossare la mascherina, nel rispetto delle norme anti-Covid.

Oltre ad acquistare abbigliamento è possibile portare capi del proprio armadio che non piacciono più, ma in buone condizioni, ricevendo in tal mondo sconti dal 10 al 30 per cento in base al peso del proprio acquisto.

L’evento è nato da un’idea di Robin Balser, imprenditore tedesco nella classifica di Forbes degli under 30 impegnati in iniziative sociali: dal 2016 la manifestazione ha conquistato tutti, ottenendo grande riscontro.

Sono oltre 240 mila i kg di abiti rimpiegati in questi anni grazie al mercatino inusuale, che fa tappa in innumerevole mete europee. Oggi parallelamente a quello di Genova, si sta tenendo anche a Madrid.

Una manifestazione che non attira solo giovani, ma persone appartenenti a tutte le fasce d’età, a dimostrazione del crescente interesse del pubblico nei confronti di un approccio più sostenibile alla moda.

Condividi su

Info Virginia Grozio

Classe 1990, sono laureata in Informazione, editoria e giornalismo presso l'Università degli Studi di Genova. Dopo il mio percorso di studi ho intrapreso la strada del giornalismo, collaborando con testate cartacee e online. Grande appassionata di moda e tematiche sociali, mi sono specializzata negli anni nel filone del green fashion. Ho organizzato eventi nell’ambito e mi sono occupata della comunicazione digitale per svariate realtà. Eclettica e piena di idee, da sempre credo nell'importanza di inseguire i propri sogni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Liguria.Today