Seguici su google news
ciarambino proteste

Quarto giorno di proteste, Ciarambino: mediazione responsabile

Quarto giorno consecutivo di presidi. Lo scalo è operativo, ma la protesta continua.

Continuano i presidi ai varchi portuali. A protestare contro il green pass alcune centinaia di portuali e cittadini, contrari al certificato verde.

Una situazione in evoluzione, che potrebbe essere influenzata da quanto sta succedendo a Trieste.

Il porto di Genova non è bloccato, resta operativo tuttavia con qualche difficoltà.

Il questore Vincenzo Ciarambino ha commentato: “In porto sta andando avanti una mediazione responsabile da parte di tutti. Così stiamo consentendo il diritto di manifestare senza creare disordini“.

Per fortuna sta andando bene – ha continuato Ciarambino – però negli ultimi mesi ho notato un maggiore ‘ribellismo’ nei confronti delle forze dell’ordine.

Sono sempre più frequenti le aggressioni agli agenti, nei vicoli ma anche in altre parti della città dove si fanno controlli.

Ogni giorno si contano sempre più poliziotti feriti, per fortuna in modo lieve, ma è grazie alla loro responsabilità che si è riusciti a evitare le conseguenze gravi“.

“La situazione è fluida, poteva essere peggio stamattina. Speriamo che si vada verso la direzione auspicata ieri dal presidente Toti, con l’aiuto del prefetto, di risoluzione tra oggi e domani.

Credo che i manifestanti possano capire che il blocco di un porto fondamentale come quello di Genova non sia una situazione sostenibile, ma vediamo come evolve la giornata”.

Così il presidente dell’Autorità portuale del Mar Ligure occidentale, Paolo Emilio Signorini, a margine di un convegno sulla portualità italiana a Telenord, ha invece commentato la protesta di portuali e no green pass giunta al quarto giorno consecutivo.

foto by ansa.it
Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info D.Barabino

Marketing Strategist per M&R Comunicazione, collaboro con la redazione del nostro progetto più bello.

Lascia un commento

Liguria.Today