Seguici su google news
Serie A

Serie A 20/21: il bilancio delle liguri dopo l’ultima giornata di campionato

La 27° giornata del campionato di Serie A 20/21 si è appena conclusa e i risultati ottenuti dalle liguri non sono stati dei migliori.

In particolar modo, alla Sampdoria e allo Spezia sono toccati gli esiti più severi. Situazione diversa è quella del Genoa, reduce da un pareggio casalingo contro l’Udinese.

Nonostante la rimonta subita, mister Ballardini si è detto soddisfatto della prestazione e dell’atteggiamento mostrato dei suoi ragazzi.

E’ stata una gara molto difficile contro una squadra forte, in salute e dotata di giocatori di spessore, ma il Genoa ha risposto da squadra fornendo una buona prestazione“, queste le parole dell’allenatore ravennate nel post-partita.

Siamo una squadra che non si risparmia mai e che da il massimo fino all’ultimo secondo. Certo, c’è un po’ di rammarico per le occasioni sfumate nel finale. Con una vittoria saremmo stati più felici, nonostante ciò la prestazione è stata positiva.”

Il pareggio di sabato è stato l’ottavo risultato utile consecutivo ottenuto dal Genoa al Ferraris, un dato importante che lascia ben sperare i tifosi per il futuro.

Il momento no della Sampdoria

Ben differente il bilancio della Samp dopo il 3 – 1 subito ieri nella sfida contro il Bologna al Dall’Ara.

Anche il pareggio ci sarebbe andato stretto, abbiamo giocato bene mettendo alle corde gli avversari per quasi tutta la partita. Sono orgoglioso di questa squadra, perché fino alla fine abbiamo provato a far goal. Abbiamo dato il 120 per cento e siamo usciti a testa alta nonostante il rammarico per la sconfitta“, ha detto Claudio Ranieri ai microfoni Sky al termine della partita.

Peccato per i due goal subiti dopo due situazioni dubbie in cui l’arbitro avrebbe potuto concedere un calcio di punizione in nostro favore“, ha poi continuato con amarezza analizzando gli eventi chiave della gara.

Il bello dello sport è proprio questo, cadere e rialzarsi più forti di prima, quindi adesso testa alla partita di domenica prossima contro il Torino“.

Proprio nella sfida contro i granata, i blucerchiati dovranno lottare per una vittoria che manca ormai dallo scorso 14 febbraio.

Un problema di intensità

Discorso simile per lo Spezia, entrato pericolosamente in una serie di sconfitte e pareggi dopo la straordinaria vittoria contro il Milan il 13 febbraio 2021.

La sconfitta per 3 – 1 di venerdì scorso contro l’Atalanta impedisce alla squadra di Vincenzo Italiano di tirarsi fuori dalla parte bassa della classifica.

Soprattutto contro avversari del genere dovevamo evitare un blackout. Durante il primo tempo siamo riusciti a non farli avvicinare alla nostra area o a tirare in porta, poi ci siamo disuniti e loro hanno preso in mano la partita“, queste le dichiarazioni di Italiano dopo la sconfitta.

Nelle ultime 11 gare che ci aspettano dovremo lavorare su questo aspetto, ripartendo dagli aspetti positivi visti anche quest’oggi. Dobbiamo evitare i cali di intensità dopo i primi 45 minuti, impedendo agli avversari di approfittarne per passare in vantaggio“, ha poi aggiunto l’allenatore parlando dell’atteggiamento dei suoi.

Il prossimo impegno in campionato sarà contro il Cagliari all’Alberto Picco di La Spezia e gli spezzini avranno l’obbligo di tornare a vincere per allontanare nuovamente lo spettro della retrocessione.

La 27° di Serie A in pillole

Il match del Ferraris

Alle 20:45 di sabato 13 marzo, il Genoa di Ballardini accoglie al Ferraris l’Udinese di Luca Gotti.

I friulani, reduci da un’importante vittoria in Serie A contro il Sassuolo, sperano di conquistare 3 punti preziosissimi contro i padroni di casa. Il match, però, volge subito a favore del Grifone che, a 7 minuti e 40 secondi dal fischio d’inizio, passa in vantaggio grazie al capolavoro di Goran Pandev.

Pochi minuti più tardi, una pennellata di capitan Criscito pesca Shomurodov che di testa manca il goal del raddoppio.

Al 30′, però, un fallo commesso dal numero 4 rossoblù su Pereyra concede agli ospiti un calcio di rigore.

Dagli undici metri, De Paul porta la partita sull’1 – 1 spiazzando Perin con un tiro centrale. L’Udinese acquisisce fiducia e sfiora il vantaggio con un colpo di testa di Llorente.

Un riflesso del portiere, però, mantiene vivo il Genoa che, nel finale, si rende pericolosissimo. Al 92′, infatti, dopo aver saltato tre avversari ed essere arrivato a tu per tu con Musso, Zajc spreca un clamoroso 2 – 1.

Ad un minuto dal fischio finale, l’ex Behrami fa tremare la traversa dei friulani dopo una splendida azione corale dei liguri. La partita termina con un pareggio, confermando l’imbattibilità casalinga del Grifone.

Il pomeriggio del Dall’Ara

E’ una tiepida domenica primaverile bolognese e la squadra di mister Ranieri sogna di ottenere una vittoria al Dall’Ara che manca dal lontano 2003.

Ad aspettarli ci sono i “ragazzi terribili” di Siniša Mihajlović, pronti a dar battaglia agli avversari in questa nuova giornata di Serie A. In avvio di gara, un erroraccio in fase di disimpegno di Schouten regala a Thorsby l’occasione del vantaggio.

Il palo nega la gioia del goal alla Samp che, al 19′ ci riprova con Damsgaard da fuori area. L’estremo difensore emiliano, però, si fa trovare pronto deviando in angolo il destro insidioso del danese. Otto minuti più tardi, il cross di Palacio pesca Musa Barrow che di testa trafigge Audero.

I blucerchiati reagiscono in fretta, trovando il pareggio al 37′ con il tiro al volo di Fabio Quagliarella. Il bomber campano sale così a 93 reti in Serie A con la Sampdoria, diventando il secondo miglior marcatore della storia della squadra.

Il Bologna, però, vuole la vittoria e quattro minuti dopo segna il goal del 2 – 1 grazie all’incursione centrale di Barrow e il destro micidiale di Mattias Svanberg.

Nel corso del secondo tempo, i liguri vanno vicini al pareggio prima con Quagliarella e poi con il destro di Damsgaard che accarezza la traversa rossoblù. Poco dopo, i padroni di casa sfiorano il vantaggio con Palacio e Skov Olsen, ma Audero si supera su entrambi nel giro di pochi secondi.

Al 70′, però, un super Svanberg serve un cioccolatino a Roberto Soriano che d’esterno insacca la rete del 3 – 1.

Nel finale di gara, il Bologna approfitta della stanchezza degli avversari per rendersi nuovamente pericoloso, sfiorando il poker prima con Svanberg e poi con Soriano.

I blucerchiati resistono con tenacia, imbastendo anche alcune azioni in contropiede che però non portano al goal. La partita finisce così, senza che la maledizione del Dall’Ara venisse finalmente spezzata.

Gli anticipi di Serie A

Al Gewiss Stadium di Bergamo, la magica Dea di Gasperini attende lo Spezia di Italiano per una sfida che si preannuncia avvincente.

Bergamaschi subito vicini al vantaggio con il colpo di testa di Pašalić sugli sviluppi della punizione di Muriel. Al 18′, un miracolo di Erlic salva lo Spezia dal pallonetto delizioso di Iličić.

Gli aquilotti resistono per tutto il primo tempo ma, al 53′ il rigore in movimento di Pašalić regala all’Atalanta il goal dell’1 – 0. Due minuti più tardi, approfittando del calo degli avversari, Luis Muriel realizza il raddoppio con un tiro a giro sensazionale che trafigge Zoet.

La banda del Gasp prende piede e, al 72′ di gioco, si porta sul 3 – 0 con il solito Pašalić che capitalizza con freddezza lo splendido assist di Zapata.

A 9 minuti dalla fine della partita, i ragazzi di Italiano segnano il goal della bandiera con il tapinò vincente di Roberto Piccoli, giocatore interessantissimo proveniente proprio dal vivaio atalantino.

La partita termina dunque sul 3 – 1, con i bergamaschi che si confermano in gran forma per la sfida in Champions League contro il Real Madrid.

Alessandro Gargiulo

Condividi su
Spazi pubblicitari Liguria.Today

Info La Redazione

La Redazione di Liguria.Today è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono Liguria.Today, il Vostro quotidiano online sulla Liguria.

Lascia un commento

Liguria.Today