Recensione di “Le città di carta” di Dominique Fortier – Alter Ego edizioni

Chi era Emily Dickinson? Di questa immensa poetessa abbiamo un’unica fotografia di quando aveva 16 anni… Magra pallida, occhi scuri come la pece.  Accanto a lei un libro.
Questa immagine ce la dona così, per l’eternità.

Emily è silenzio, è una mollica di pane per richiamare i merli, è selvatica, spontanea, sgualcita. È una casa d’infanzia, l’odore della cera del parquet, è un luogo, anzi sono molti luoghi che ha abitato e a loro volta hanno abitato lei.

Raccoglie tra le pagine esemplari di fiori e piante con una maniacale cura dettata da una preoccupazione estetica e come le sue piante anche lei trascorre gli inverni tra le pagine di un libro.
Le stagioni procedono come sogni delicati dai quali risvegliarsi solo per un istante. Emily tra quadrati da aggiungere alle trapunte, pane caldo da preparare, poesie scarabocchiate su un sacchetto di farina. Emily tra perdite reali ed immaginate, parole intrise di fantasie scalpitanti, finché la poesia arriva più potente che mai e deflagra la realtà per raccontarla e mai per raccontarsi.
Carne, sangue ed inchiostro.
“Le città di carta” di Dominique Fortier è un viaggio incredibilmente poetico nella vita di Emily; grazie all’autrice ogni piccolo dettaglio assume un significato. Questa vita racchiusa in se stessa ma sospesa e piena nel contempo, senza strappi, senza traumi, un’interiorità solida che basta a nutrirla.

Il suo cuore è carbone bruciato e neve delicata, fragilità e potenza; un ritratto meraviglioso ed imperdibile per tutti coloro che desiderano approfondire questa figura incantata: la poetessa Emily Dickinson.

Barbara Aversa  _Mi trovate su IG come  @missparklingbooks

Condividi su

Info Barbara Aversa Pacifico | Missparklingbooks

Giovane insegnante, da sempre ho lavorato nell'ambito giornalistico e come blogger/content creator. Ho sempre scritto sin da giovanissima, ed a 16 anni ho pubblicato il mio primo racconto per una raccolta dedicata ai giovani autori. Ho vinto il premio metropolitano di Roma “Subway” arrivando prima nella mia città con “Diario di una ragazza“. Insegno in un liceo scientifico romano. Amo insegnare, creare dei gruppi di lettura con i miei studenti, scrivere e leggere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Liguria.Today